Seguici su
Smart Mobility 20 Novembre, 2020 @ 3:22

General Motors lancia la sfida a Tesla e investe 27 miliardi sulle auto elettriche

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Mary Barra è il ceo di General Motors. (Photo by Bill Pugliano/Getty Images)

Articolo di Alan Ohnsman apparso su Forbes.com

General Motors accelera sui veicoli elettrici per ritagliarsi una fetta più ampia del mercato. Ha pianificato dozzine di nuovi modelli, il ricollocamento di ingegneri in una divisione dedicata ai veicoli elettrici e un investimento da 27 miliardi di dollari nello sviluppo di tecnologie a batteria e autonome. L’obiettivo è di superare Tesla di Elon Musk.

Tesla non è stata menzionata nella presentazione dell’amministratore delegato e presidente, Mary Barra, alla conferenza Barclays Global Automotive. L’aggressivo cambio di rotta strategico della compagnia con sede a Detroit, però, prevede di diventare il leader sul mercato nordamericano dell’elettrico entro qualche anno. Per riuscirci, l’azienda ha allocato altri 7 miliardi di dollari al budget da qui al 2025.

“Riteniamo che lo sviluppo dei veicoli elettrici sia cruciale per far crescere il nostro business e creare valore per gli azionisti”, ha dichiarato Barra. “Siamo determinati a combattere per la nostra fetta del mercato dei veicoli elettrici, fino a quando saremo al numero uno in Nord America”.

General Motors, ecco i prossimi modelli elettrici

Il più grande produttore statunitense di automobili prevede di lanciare 30 modelli a batteria a livello globale entro il 2025. I due terzi saranno messi a disposizione dei consumatori nordamericani sotto i brand Cadillac, Gmc, Chevrolet e Buick. Il primo nuovo modello con la batteria a basso costo di Gm, Ultium, sarà il Gmc Hammer Ev, atteso per la fine del 2021. Sarà seguito dalla Cadillac Lyriq crossover all’inizio del 2022. L’investimento di General Motors porterà anche a incrementare la produzione di batterie e a rivedere il funzionamento degli impianti esistenti. Le strutture saranno orientate alla produzione di auto e camion a batteria. Allo stesso tempo, Gm vuole utilizzare in modo più efficace, in funzione della nuova generazione di veicoli, la vasta rete globale di laboratori di ricerca e sviluppo e di strutture per i test.

General Motors è stato uno dei pionieri delle auto elettriche. Mise in commercio il subcompact Ev1 in California 24 anni fa, come primo veicolo di prova. Il suo abbandono della tecnologia creò un’opportunità per Musk e Tesla all’inizio degli anni 2000. Nello scorso decennio, l’azienda ha incrementato costantemente la sua presenza sul mercato elettrico, a partire dalla Volt ibrida plug-in e dalla Bolt Ev. Ha continuato, tuttavia, a concentrarsi sulla redditizia produzione di camion e suv alimentati da combustibili fossili. I costi più bassi per le batterie e gli altri componenti, le regole globali più stringenti per limitare le emissioni di anidride carbonica e il prossimo insediamento dell’amministrazione Biden, che darà la priorità ai trasporti elettrici, sono alla base della nuova strategia dell’azienda.

Gm sfida Elon Musk

“Il nostro impegno per accelerare l’acquisizione di una leadership sui veicoli elettrici e sulla tecnologia è un’impresa significativa”, ha affermato Barra. “Sappiamo però di poter controllare tutto ciò che serve per prendere il comando di questa corsa e vincere. Investiremo ulteriori 7 miliardi di dollari nei veicoli elettrici fino al 2025. Il nostro investimento totale sui veicoli elettrici e a guida autonoma arriverà così a oltre 27 miliardi”.

La crescita costante delle vendite e della produzione e la recente serie di cinque trimestri consecutivi con profitti, la più lunga nella storia della compagnia, oltre all’eccezionale lealtà della base di fan di Musk, hanno reso Tesla il produttore di auto con il valore più alto al mondo: la sua capitalizzazione è di 473 miliardi di dollari. E mentre il suo ingresso nell’indice S&P 500 ha alimentato un balzo del 22% in borsa questa settimana, la capacità produttiva e gli utili di Tesla sono una piccola parte di quelli di General Motors. Musk si sta accelerando sull’apertura di nuove fabbriche in Germania e in Texas, in aggiunta allo stabilimento principale in California e alla Gigafactory di Shanghai. Occorreranno però diversi anni prima che possa raggiungere un livello paragonabile a Gm in termini di operazioni di produzione globali.

Assieme ai modelli elettrici di Hummer e Cadillac, Gm sta preparando altri tre modelli Gmc che utilizzano il sistema Ultium. Tra questi un pickup elettrico e quattro veicoli elettrici sotto il marchio Chevrolet, inclusi un pickup e una piccola crossover. In questo mese, General Motors ha annunciato che avrebbe assunto altre 3mila dipendenti con competenze tech entro la fine del primo trimestre del 2021, in funzione dell’accelerazione sull’elettrico.

Il peso di Ultium

A margine della conferenza, Barra ha preferito non rilasciare commenti su una possibile partnership di Gm con il produttore di camion a idrogeno Nikola Inc. A proposito di altre partnership, ha detto all’analista di Barclays Brian Johnson di “non avere nulla di specifico da annunciare”.

General Motors afferma che sarà in grado di ottenere profitti dalla vendita di veicoli elettrici con un’autonomia fino a 400 miglia con una ricarica, grazie al costo delle sue batterie Ultium, inferiore del 40% circa rispetto a quelle utilizzate attualmente nelle Bolt Ev. Le Ultium della prossima generazione, che arriveranno nei prossimi anni, saranno fino al 60% più economiche delle batterie delle Bolt. Potranno offrire un’autonomia di 450 miglia a ricarica, ha fatto sapere Doug Parks, vicepresidente esecutivo di Gm per lo sviluppo dei prodotti, gli acquisti e la catena di fornitura. Risparmi aggiuntivi verranno dalla condivisione di un numero maggiore di parti tra tutte le linee di prodotti Gm.

“I tempi di sviluppo dei veicoli elettrici di General Motors stanno accelerando, mentre i costi stanno scendendo rapidamente”, ha detto Parks. “Perciò ci aspettiamo che il nostro programma di veicoli elettrici alimentati con batterie Ultium sia redditizio sin dalla prima generazione”.

Le azioni di Gm sono rimaste stabili e hanno chiuso alla borsa di New York a 42,82 dollari.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!