I gattini del web possono valere una fortuna: due progetti Nft che stanno raccogliendo milioni di dollari

Danny Casale
Danny Casale
Share

Vi ricordate i gattini che animavano le bacheche Facebook? Con l’avvento dei social network alcuni anni fa, i felini sono diventati un vero e proprio trend grazie a gif, video, meme e post. E partendo dal social network di Zuckerberg hanno poi occupato ogni tipo di spazio digitale. Per spiegare il fenomeno basta citare un solo dato: secondo la CNN, nel 2015 sul web “vivevano” oltre 6 miliardi di immagini/video a tema gatti. Alcuni anni fa, inoltre, la CIA ha dichiarato di aver trovato divertenti video con gattini persino nel pc di Osama Bin Laden.

Difficile spiegare il fenomeno. Anche il creatore del Web Tim, Berners-Lee, è rimasto sorpreso dalla viralità raggiunta dai felini. La loro popolarità è stata affrontata da esperti di tecnologia e psicologi ed entrambi concordano che il successo è dovuto al fatto che i gattini sono un punto di contatto tra vita digitale e vita reale e soddisfano in pieno il desiderio di svago di chi naviga su internet.

Tutto questo succedeva nell’epoca del web 1.0 e 2.0. Ma nell’attuale era del web 3.0, quello del metaverso, che sta succedendo? I gattini sono ancora di moda e, a differenza degli antenati vissuti nel “primo” e nel “secondo” web, adesso hanno anche un valore economico che spesse volte raggiunge cifre rilevanti. Sono, infatti, diversi i progetti Nft che hanno questi animali da compagnia come attori protagonisti.

I gattini nel Metaverso: Cool Cats e Coolman’s Universe

I principali progetti di non fungible token basati sui gatti disegnati e stilizzati secondo i gusti dominanti del metaverso sono attualmente due: Cool Cats e Coolman’s Universe.

Cool Cats è una raccolta di Nft generati casualmente sulla blockchain di Ethereum. La prima generazione è composta da 10mila gatti assemblati casualmente su oltre 300mila opzioni totali. I gatti cosi hanno una varietà di abiti, facce e colori e ognuno di loro, grazie alle diverse combinazioni possibili (busto, cappello, vestito e altri particolari), è unico. L’obiettivo dei creatori è costruire un ecosistema non solo digitale ma anche fisico attraverso collaborazioni con brand di moda.

Coolman's universe
Coolman’s universe

Il successo grazie alle animazioni umoristiche

L’altro progetto, Coolman’s Universe, è creato da Danny Casale (alias Coolman Coffeedan), un artista di Los Angeles (Forbes Under 30 nel 2020 nella categoria Arte) che ha guadagnato popolarità grazie alle sue animazioni umoristiche. La sua storia artistica ha radici profonde che nascono nel mondo fisico. Il suo “Bad Animator” è diventato virale per la prima volta nel giugno del 2017 quando il suo cartone animato intitolato “Snakes Have Legs” ha accumulato milioni di visualizzazioni su YouTube.

Dopo l’enorme successo di questo video, Danny ha continuato a creare animazioni nel suo stile unico che hanno raggiunto centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Accanto alle creazioni digitali Danny ha coltivato anche il mondo del fisico mixando libri a opere di street art e a tele. Il tutto gli ha permesso di avere una notorietà nel mondo sia dell’arte sia sui social dove ha il sostegno di oltre 10 milioni di follower.

Marcel Katz
Marcel Katz

Il personaggio al centro di Coolman’s Universe è un gattino di nome Spesh, lo stesso protagonista delle opere fisiche. La direzione creativa e il marketing di Coolman’s Universe sono curati da Marcel Katz. Marcel, con le sue società Marcel Katz Art e The Art Plug, e da alcuni anni è tra i protagonisti più attivi nella scena artistica di Miami con eventi esperienziali che stanno ampliando il modo di concepire e fruire l’arte nel ventunesimo secolo. Katz mette a disposizione degli artisti con cui lavora la sua competenza unendo cosi il fisico con il digitale. La sua capacità di essere un viral content creator abilissimo gli consente poi di attrarre  l’attenzione delle nuove generazioni amanti dell’arte.

“Da bambino disegnavo sempre”

Danny Casale racconta come nata la sua passione per l’arte: “Da bambino, disegnavo sempre. Non ero particolarmente interessato alla scuola e quindi passavo il tempo scarabocchiando. Ho imparato rapidamente che i personaggi che ho creato potevano esprimere sentimenti e vibrazioni positive. Il disegno è diventato la mia fuga. Non ero più solo il solitario geek, ma anche il ragazzo che racconta storie, disegna personaggi di fantasia e cosi potevo far sorridere le persone” . Oggi casale disegna per vivere. I suoi personaggi e le loro storie comunicano semplici messaggi di amore. “Le storie che racconto sui libri che pubblico, gli Nft e le opere d’arte fisiche che creo sono unite dallo stesso messaggio: benessere e amore. In un futuro non troppo lontano, voglio che il mio brand diventi un nome familiare come I Simpson, Adventure Time o Hello Kitty. Il motivo per cui lo voglio è semplice: regalare un sorriso su più volti possibile”.

Danny Casale
Danny Casale

Che valore economico hanno raggiunto i gattini Nft?

Ma qual è il valore economico dei  gattini Nft? Cifre che sbalordiscono: Cool Cats, progetto partito lo scorso luglio ha generato vendite totali pari a oltre 80mila ethereum e il floor price è stabilmente sopra i 10 Eth (poco meno di 30mila dollari). Coolman’s Universe è invece partito lo scorso 19 dicembre e sta avendo un rapido successo: floor price tra 1.5 e 2 ethereum circa con quasi 14mila ethereum di vendite totali.

Insomma, i gattini della prima era di internet facevano solo sorridere. Quelli del metaverso sono un vero e proprio asset oggetto di compravendite milionarie. E nell’universo delle crypto valute e degli Nft sono in compagnia di scimmie (tra cui Bored Ape Yacht Club, Mutant Ape Yacht Club e Desperate ApeWives e HapeBeast), larve (larva lads, ad esempio), tori (Cryptobulls), cani (shiba social club official collection e Bored Ape Kennel Club) oppure orsi (Iinbetweeners creati dall’italiano Gianpiero D’Alessandro e da Pasquale D’Avino).

LEGGI ANCHE: “I due giovani napoletani che hanno stregato Justin Bieber con metaverso e orsetti Nft”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti