Il prezzo non si decide più manualmente, adesso ci pensa il dynamic pricing

vedrai
Share

Qual è il prezzo giusto per quello che sto vendendo? Come posso massimizzare i margini? Probabilmente queste sono solo alcune delle domande che ti sei posto quando ti sei trovato a decidere il valore del servizio o del prodotto che volevi vendere. Possiamo assicurarti che si tratta delle domande più vecchie di sempre in ambito economico e qualsiasi ceo o direttore vendite se le pone in continuazione. Perché quando devi mettere in vendita un bene o un servizio si presenta il problema del prezzo più adatto per ottenere il profitto adeguato agli obiettivi ed esigenze che ti sei posto. Diventa necessario trovare il giusto equilibrio, altrimenti un costo troppo alto riduce buona parte dei potenziali consumatori, mentre uno troppo basso non ti permette un guadagno adeguato. 

Quando si decide un prezzo ci sono diverse soluzioni strategiche che si possono adottare, come formule matematiche semplici e compiendo uno studio della domanda, della concorrenza e del margine di profitto, ma queste analisi non sono abbastanza in questo mercato in continuo cambiamento. Per esempio, guardare al prezzo dei concorrenti è una soluzione immediata, a basso rischio e semplice da applicare, tuttavia si basa sulla semplice informazione determinata dai competitor e non tiene conto del valore del consumatore, che potrebbe essere disposto a pagare di più per quel bene o servizio. 

Per questo diventa opportuno, nel mercato costantemente mutevole, avere nuove tecnologie capaci di ottimizzare il prezzo per incrementare la competitività aziendale. Stiamo parlando del dynamic pricing, una strategia di prezzo secondo cui il valore di un bene e di un servizio varia in base al modificarsi di alcuni fattori che governano la domanda. Le strategie di dynamic pricing propongono cambiamenti del valore in maniera periodica (spesso in tempo reale) per rispondere alle variazioni della domanda, le quantità in magazzino e le condizioni di mercato esterne. Il prezzo è flessibile e cambia in funzione del mercato e, di conseguenza, aggiornarlo in base al variare dei principali fattori impattanti la domanda è uno dei mezzi più potenti per ottenere un vantaggio competitivo. Per funzionare il più efficacemente possibile, il dynamic pricing utilizza tecnologie all’avanguardia, come il machine learning. 

Il ruolo di Vedrai

Per ottimizzare i prezzi, massimizzare i margini dei servizi e beni offerti e tenere costantemente aggiornati i prezzi del proprio e-commerce, hôtellerie o ticketing, Vedrai SpA, azienda che sviluppa soluzioni basate su Intelligenza Artificiale e machine learning, ha realizzato l’Agente Virtuale Frank che supporta chi definisce le strategie di prezzo.

Frank è uno strumento di dynamic pricing che adatta in tempo reale l’offerta alla domanda di mercato, stabilendo prezzi più precisi massimizzando gli obiettivi di marginalità e dei volumi di vendita. Frank individua costantemente le variabili che impattano sulla domanda di ogni bene o servizio, monitora le variazioni di prezzo sui volumi di vendita ed esegue un’estrazione dei prezzi imposti dai competitor. Attraverso questi parametri, Frank è in grado di adattare in tempo reale l’offerta al mercato, conoscendo sempre il valore ideale e traendo margine di profitto maggiore da ogni vendita.

L’Agente Virtuale Frank aggiorna automaticamente i prezzi su tutti i tuoi canali di vendita, considerando l’impatto sugli acquisti di alcune variabili come la disponibilità, il giorno e l’ora e migliora la soddisfazione del consumatore, aumentando il valore della spesa con offerte personalizzate. Il dynamic pricing è la strategia ideale per le aziende che vogliono ottimizzare i profitti e minimizzare i costi, grazie a Frank che apprende ciò che accade nel mercato e permette al Direttore Vendite di avere più informazioni rispetto alla concorrenza, tale da poter prendere decisioni migliori.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti