“Tesla se la caverà meglio degli altri”: gli analisti promuovono l’azienda di Musk e il titolo rimbalza dopo il periodo negativo

elon musk, gigafactory berlino Tesla
(Photo by Christian Marquardt – Pool – Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Giovedì 9 giugno le azioni di Tesla hanno chiuso con il segno positivo dopo che il rating del titolo è stato aggiornato a “Buy” da un analista. Molti esperti di Wall Street sono ottimisti sul fatto che l’azienda che produce veicoli elettrici di Elon Musk abbia ancora un enorme potenziale di crescita e rialzo a lungo termine, nonostante il selloff di questa ultima fase.

Aspetti principali

  • Le azioni di Tesla quest’anno hanno perso oltre il 30%, poiché gli investitori sono preoccupati per l’aumento dei tassi di interesse e l’aumento dell’inflazione che possono portare alla recessione.
  • Tuttavia, molti analisti di Wall Street che studiano il titolo rimangono positivi sulle prospettive di crescita a lungo termine della società, sostenendo che Tesla continuerà a essere l’attore dominante nel mercato in rapida crescita dei veicoli elettrici.
  • Secondo l’analista di Ubs Patrick Hummel è “tempo di essere audaci” poiché il recente calo del titolo offre un “punto di ingresso interessante” per gli investitori, con Tesla scambiata vicino ai minimi storici in base al rapporto prezzo/utili.
  • Giovedì le azioni di Tesla sono aumentate di quasi il 3% dopo che Ubs ha aggiornato il titolo a un rating “buy” con un obiettivo di prezzo di 1.100 dollari per azione, il che implicherebbe un rialzo di oltre il 50% rispetto ai livelli attuali.
  • La scorsa settimana Garrett Nelson, vicepresidente e analista azionario senior di Cfra Research, ha segnalato Tesla come un “acquisto valido”, assegnandole un obiettivo di prezzo di 1.200 dollari per azione in base al “potenziale di crescita a lungo termine” della società.
  • A far crescere le azioni di Tesla è stata anche la notizia che la fabbrica dell’azienda a Shanghai ha prodotto oltre 33.000 auto a maggio, con un aumento del 212% rispetto al mese precedente, quando la fabbrica è stata chiusa a causa del rigido lockdown legato al Covid-19.

La frase chiave

“Riteniamo che le prospettive siano più favorevoli che mai”, ha affermato Hummel. “Ci aspettiamo che l’integrazione verticale di Tesla nella produzione di semiconduttori, software e batterie si traduca in una crescita assoluta e una redditività superiori negli anni a venire”. Lo slancio operativo di Tesla è un altro motivo di ottimismo, spiega Hummel, indicando il grande numero di ordini arretrati e l’avvio di due nuove Gigafactory in Germania e Texas. “Il mercato continua a sottovalutare quanto Tesla se la caverà meglio rispetto ai concorrenti in termini di crescita e redditività”.

Da tenere in considerazione

Venerdì scorso le azioni di Tesla sono scese del 9% dopo che Reuters ha riferito che il ceo Elon Musk aveva inviato un’e-mail ai dirigenti parlando di una “pessima sensazione” sull’economia e indicando la volontà di tagliare circa il 10% dei posti di lavoro. Nonostante le notizie negative, questa settimana il titolo è rimbalzato di oltre il 7% poiché gli analisti di Wall Street rimangono fiduciosi.

Anche se Musk dovesse tagliare parte della forza lavoro di Tesla, Ubs dichiara che “non cambia” le prospettive di crescita a lungo termine. Gli analisti di Goldman Sachs invece hanno definito la notizia “incredibilmente negativa”. Gli analisti di Cfra, nel frattempo, affermano che Musk “vuole semplicemente anticipare la curva in termini di rallentamento nel settore automobilistico che è altamente ciclico”.

In cifre: 228,5 miliardi di dollari

Questo è quanto vale Elon Musk, secondo i calcoli di Forbes. Giovedì il patrimonio netto dell’uomo più ricco al mondo è aumentato di oltre 6 miliardi, grazie alla crescita delle azioni Tesla.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.