La storia di Ronnen Harary, il miliardario dei Paw Patrol

Ronnen Harary Paw Patrol
Ronnen Harary, il miliardario dei Paw Patrol
Share

All’inizio del 2021 Ronnen Harary e la sua Spin Master hanno acquistato il cubo di Rubik per 50 milioni di dollari. Nello stesso anno il film Paw Patrol, basato sugli omonimi giocattoli di Harary e Spin Master, ha incassato oltre 135 milioni di dollari nel mondo. Comunque la si veda, Ronnen Harary con i giocattoli – che siano passatempi datati o nuovi personaggi – ci sa fare.

Per capire come Harary sia arrivato ad accumulare un patrimonio di oltre un miliardo di dollari e a creare un gigante da oltre due miliardi di dollari di fatturato e 220 milioni di utile netto nel 2021, bisogna partire proprio da quando era anche lui un bambino.

Forbes ricorda come Ronnen e il suo socio Anton Rabie si siano incontrati a un campo estivo in Ontario, quando entrambi avevano 11 anni. Circostanza confermata anche dal sito della Western University, ateneo in cui entrambi si sono laureati, che ricostruisce il percorso di amicizia e collaborazione dei due. Un cammino partito dal campus, proseguito al liceo e sfociato nelle prime idee da universitari. La prima che sviluppano insieme si chiama Campus Faces, una società di poster che vende pubblicità lungo il lato dei poster. Nel giro di tre anni riesce ad ampliare il proprio mercato fino a diventare, nell’ultimo anno di università dei fondatori, un’attività commerciale presente in altri sei campus canadesi.

Il miliardario dei giocattoli

Yahoo Finance ripercorre poi gli inizi di Spin Master. Appena usciti dall’università, Harary e Rabie, a cui nel frattempo si è aggiunto un altro studente della Western University, Ben Varadi, investono 10mila dollari di risparmi nel loro primo prodotto. Il nome del gioco è Earth Buddy: una ‘testa’ ricoperta di calze di nylon imbottita di segatura e semi di erba, che germogliavano per sembrare capelli quando innaffiati. Per promuoverlo e pubblicizzarlo i tre scendono in strada e girano per negozi specializzati, vendendo il giocattolo prima di espandersi in una piccola struttura a Toronto. Parlando al sito The Canadian Jewish News, Harary ricorda: “Avevamo ordinato 5mila unità, ma il prodotto si è rivelato un enorme successo. In nove mesi abbiamo venduto 1,5 milioni di pezzi”. 

Il gioco che trasforma Spin Master in un grande marchio del settore è però l’Air Hogs Sky Shark, un aeroplano giocattolo con pompa ad aria compressa che debutta nella primavera del 1998. Nel 2009, poi, l’azienda conquista il premio Toy of the Year grazie a Bakugan, un gioco di carte realizzato in collaborazione con Sega, in cui palline di plastica si aprono per rivelare personaggi in stile anime. Nel 2014 Spin Master è nominata fornitore di giocattoli dell’anno da Walmart. A luglio 2015 si quota alla borsa di Toronto.

I Paw Patrol

Inizia invece nel 2013 la fortunata esperienza di Ronnen Harary e Spin Master con i Paw Patrol, come raccontra il Financial Post. Dopo avere sviluppato collaborazioni con Nickelodeon e Cartoon Network, infatti, l’azienda si rivolge allo sceneggiatore Keith Chapman per inventare un franchise. Nasce così la serie animata Paw Patrol, che racconta le avventure di gruppo di sei cani da salvataggio guidati da Rayder, un ragazzo esperto di tecnologia che affronta con coraggio e astuzia avventure e pericoli per proteggere la comunità. Il primo episodio va in onda il 25 novembre 2013 e nel 2021 la serie è distribuita in 170 paesi del mondo. Un successo globale confermato dal film.

Come raccontato ancora da Forbes, una delle ultime iniziative di Harary e della sua azienda è stata quella di lanciare un fondo da 100 milioni di dollari per sostenere le startup di giochi, giocattoli e intrattenimento. Lo stesso Ronnen ha spiegato: “Il ritmo dell’innovazione nei settori dei giocattoli, dell’intrattenimento e dei giochi digitali sta accelerando rapidamente. Investendo con una visione a lungo termine in iniziative promettenti, possiamo aumentare il nostro accesso a idee e concetti potenzialmente rivoluzionari”. I prossimi Paw Patrol potrebbero essere solo questione di tempo.

LEGGI ANCHE: La storia di Chad Richison, il miliardario delle buste paga che trasportava balle di fieno in Oklahoma

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.