Elon Musk: “I tunnel sono il futuro”. Ma intanto trasforma il suo in un parcheggio

Elon Musk Boring Company
(foto Robyn Beck-Pool/Getty Images)
Share

Il futuro? Tunnel sotterranei, razzi superveloci e alieni. Parola di Elon Musk. L’uomo più ricco del mondo è intervenuto in collegamento nel corso del G20 a Bali con una scenografia particolare: al buio con delle candele accese e con addosso una camicia tradizionale indonesiana. Al centro del suo intervento, i suoi progetti e le aspettative sul futuro.

Nel discorso al G20, il miliardario ha spiegato che SpaceX e Boring Company realizzeranno i razzi e i tunnel per la mobilità del futuro. L’affermazione però va in contrasto con le ultime informazioni emerse sulla società che realizza i tunnel sotterranei.

The Boring Company, la società di Musk che si occupa di scavare i tunnel per la mobilità del futuro, come riporta Bloomberg,  starebbe subendo una battuta d’arresto. Il tunnel inaugurale del fantascientifico Hyperloop, costruito a Hawthorne, in California, è stato demolito e sarà sostituito da posti auto per i dipendenti di SpaceX.

Il prototipo di tunnel dell’Hyperloop, lungo circa 1,6 chilometri e largo 3,6 metri, era situato nei pressi dell’aeroporto municipale di Hawthorne, appena fuori Los Angeles. Precision Construction Services, come riporta Bloomberg, era uno degli appaltatori del tunnel e all’inizio dell’anno ha ricevuto la notizia che il tunnel sarebbe presto diventato un parcheggio. La vicenda, sempre secondo Bloomberg, sarebbe stata confermata dal consiglio comunale di Hawthorne.

La nascita di The Boring Company

Come gran parte delle idee di Elon Musk, The Boring Company è nata da un tweet. Musk, il 18 dicembre 2016, scrisse: “Il traffico mi sta facendo impazzire. Costruirò una macchina per scavare tunnel e inizierò a scavare…”. Inizialmente sembrava solo una boutade ma pochi minuti dopo la cosa ha cominciato a diventare seria.

“In realtà lo farò. Si chiamerà ‘The Boring Company’”, ha twittato Musk in un thread. Il progetto quindi diventa realtà nel gennaio 2017, ma non prima di essere tornato su Twitter per coniare uno slogan aziendale: “Noioso, è quello che facciamo”.

La Boring Company, che secondo le informazioni societarie è valutata 5,675 miliardi di dollari, ha aperto i battenti un mese dopo, nel febbraio 2017, con uno scavo di prova nei locali di SpaceX. Secondo quanto riferito, i lavori sono iniziati un venerdì pomeriggio, quando Musk ha detto “Vediamo qual è il buco più grande che riusciamo a scavare da qui a domenica pomeriggio, lavorando 24 ore al giorno”. Alla fine, The Boring Company era riuscita a produrre un tunnel largo 9 metri, lungo 15 metri e profondo 4,5 metri.

Sebbene Bloomberg sostenga che la demolizione del tunnel californiano sia il segnale di un abbandono del progetto, potrebbe anche essere qualcosa di diverso. Musk, secondo quanto riportato, sta agendo per spostare alcune delle sue operazioni principali in Texas. All’inizio del 2022, My San Antonio ha riferito che Musk ha raccolto centinaia di milioni di dollari in investimenti per creare una nuova sede della Boring Company a Pflugerville, nel sobborgo di Austin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.