L’ultima iniziativa di Elon Musk è alcolica e a forma di fulmine

la tesla tequila di elon musk
Bottiglia di Tesla Tequila – foto pubblicata su teslatequila.tesla.com
Share
la tesla tequila di elon musk
Bottiglia di Tesla Tequila – foto pubblicata su teslatequila.tesla.com

Dopo aver rivoluzionato il mondo delle automobili e dello spazio, Elon Musk brinda a una nuova e alcolica iniziativa, segno dell’ormai nota eccentricità: la Tesla Tequila. Disponibile solo negli Usa (dove è possibile spedire alcolici per posta), l’ultima follia di Elon Musk è in vendita al costo di 250 dollari a bottiglia e sta andando immediatamente a ruba, con la promessa di portarla nelle case americane entro Natale.

Venduta in una bottiglia a forma di fulmine per evidenziare il connubio che lega Tesla all’elettricità, la Tesla Tequila, realizzata in collaborazione con il brand Nosotros e il distributore Speakesy, è un alcolico ottenuto da agave premium in piccoli lotti a base di agave di alta montagna e di pianura provenienti da fonti sostenibili e viene invecchiato per 15 mesi in botti di rovere francese per poi finire in una bottiglia di vetro soffiato a mano.

Perché è nata la Tesla Tequila: il pesce d’aprile di Elon Musk

Nata un po’ per gioco e per provocazione, come tantissime delle idee lanciate da Elon Musk (dai viaggi ipersonici fino ad arrivare alla scelta del nome per il figlio), si pensa che l’idea di realizzare la Tesla Tequila sia nata ormai oltre due anni fa, precisamente per il primo aprile 2018, giorno da sempre famoso per il cosiddetto “pesce d’aprile”.

In quell’occasione, infatti, il ceo dell’azienda americana sul suo profilo Twitter aveva raccontato di essere stato ritrovato svenuto accanto a un Tesla Model 3 circondato da bottiglie di “Teslaquila” e con un cartello in mano con la scritta “bancarotta”.

Quindi, visto che la bancarotta non si è verificata (anzi Tesla è andata continuamente incontro a nuovi rally ed Elon Musk via via è diventato sempre più ricco), l’eccentrico imprenditore e visionario ha deciso di dar vita almeno a un aspetto di suo quel suo immaginario pesce d’aprile, ossia la Tesla Tequila. E, anche questa volta, è stato di parola. Alla salute Elon.