Torna Technovation Girls, il progetto di Amazon dedicato alle giovani imprenditrici

(courtesy Amazon)
Share
(courtesy Amazon)

Amazon Italia rinnova il suo supporto a favore della formazione al femminile. E lo fa lanciando, per il terzo anno consecutivo, Technovation Girls, programma imprenditoriale tech per ragazze promosso da Technovation, associazione no profit dedita all’educazione in ambito STEM, che mira a rendere consapevoli le studentesse di tutto il mondo delle loro potenzialità in tema di innovazione, attraverso l’accesso a nuove competenze informatiche.

Il progetto, aperto fino al 5 marzo 2021 (le iscrizioni chiuderanno il 12 marzo), vedrà Amazon ospitare momenti di incontro e presentazione rivolti a studentesse dai 10 ai 18 anni di tutto il mondo interessate alla tecnologia, anche senza una precedente formazione nel coding, che desiderano mettersi alla prova nella creazione di un’app. Incontri ai quali sarà possibile iscriversi e partecipare online attraverso il sito discovertechnovationamazon.splashthat.com.

A tutte coloro che si iscriveranno al programma, Amazon metterà a disposizione dei mentor, che accompagneranno le partecipanti lungo tutto il percorso di ideazione del progetto: la mentorship si svilupperà nel corso delle lezioni online offerte da Technovation, dallo sviluppo dell’app, fino alla costruzione di un business plan efficace e della presentazione del progetto stesso, che sarà tenuta davanti ad un comitato di valutazione internazionale.

Agli incontri, oltre a studentesse dai 10 ai 18 anni, potranno partecipare anche docenti delle scuole primarie e secondarie che vogliano farsi promotori dell’iniziativa all’interno dei propri istituti.

Nel frattempo sono ancora aperti i bandi per aggiudicarsi le borse di studio Amazon Women in Innovation in collaborazione con il Politecnico di Milano, il Politecnico di Torino, l’Università Tor Vergata di Roma e l’Università degli Studi di Cagliari.

Di recente, oltre agli investimenti strutturali e alla creazione di nuovi posti di lavoro, la big tech americana, le cui retribuzioni in Italia si collocano tra le più alte per ciascun settore, ha avviato diversi progetti per supportare le pmi italiane che desiderano avviare una propria attività o digitalizzarne una esistente.