Un robot per amico: perché le persone affiderebbero le scelte di carriera all’intelligenza artificiale

Share

Le persone hanno voglia di cambiamento e vogliono scuotere una vita lavorativa routinaria e senza sbocchi. Per farlo sono disposti anche a farsi consigliare da un computer dotato di intelligenza artificiale. Anzi, il computer è meglio di un essere umano per dare consigli sul futuro lavorativo. È quanto emerge da un nuovo studio condotto da Oracle e Workplace Intelligence, società di ricerca e consulenza nel settore risorse umane.

Secondo il sondaggio, che ha coinvolto oltre 14.600 tra impiegati, manager, responsabili Hr ed executive e C-Level di 14 paesi, l’85% degli interpellati vuole infatti che sia la tecnologia AI ad aiutarli nel definire il loro futuro. Il 75% delle persone è disposta a fare cambiamenti nella propria vita sulla base delle raccomandazioni di un computer.

Perché l’intelligenza artificiale è migliore di un uomo

Ma perché un computer dovrebbe essere preferibile a un buon amico? I motivi sono diversi. L’83% ritiene che queste tecnologie AI siano un miglior supporto, rispetto a un essere umano, per quanto riguarda le scelte di carriera. Il motivo? Danno raccomandazioni non influenzate da pregiudizi (37%), rispondono velocemente (33%) e aiutano a trovare nuove posizioni lavorative in linea con le competenze possedute (32%). Di sfondo a tutto questo c’è anche un altro problema, percepito da molti degli intervistati: la mancanza di ascolto da parte delle aziende circa i bisogni dei dipendenti. L’87% pensa che l’azienda dovrebbe farlo di più, mentre il 55% è convinta che l’adozione di tecnologia AI permetterebbe una valutazione più oggettiva delle persone e potrebbe quindi supportare il loro sviluppo di carriera.

LEGGI ANCHE:Con la pandemia i lavoratori hanno avuto più responsabilità o cambiato ruolo. Ma le donne sono state lasciate indietro”

Una vita bloccata e senza sbocchi

Oltre un anno di lockdown e la persistente incertezza legata alla pandemia hanno messo a dura prova lo stato emotivo di molti lavoratori, che sentono di avere perso controllo sulla loro vita e sulla loro carriera. Ben otto su dieci hanno detto di aver riportato un impatto negativo dovuto agli eventi dell’ultimo anno tra problemi finanziari, declino di benessere e salute mentale, perdita di motivazioni sul lavoro e sensazione di disconnessione dalla loro vecchia vita. Ben il 75% delle persone dice di sentirsi bloccata a livello personale e professionale, è ansiosa rispetto al futuro (31%), si sente intrappolata nella stessa routine (27%) e sola come non mai (26%). A peggiorare la situazione, per uno su quattro, sono l’impossibilità circa un avanzamento di carriera o l’elevato carico di lavoro che gli impedisce di apportare un qualsiasi cambiamento (22%).

LEGGI ANCHE: “Mollo il posto fisso e apro la mia attività”: la nuova tendenza che piace tanto ai giovani

La voglia di cambiamento

Nonostante le difficoltà dell’ultimo anno, in ogni caso, le persone ora desiderano cambiare le loro vite professionali. Lo studio rivela che il 93% ha usato l’ultimo anno per riflettere sulla propria vita. L’88% ha dichiarato che il significato del termine successo per lui è cambiato: ora le priorità sono l’equilibrio tra vita e lavoro (42%), il benessere mentale (37%) e la flessibilità lavorativa (33%).

L’83% nel 2022 vuole cambiare la sua vita lavorativa e punta allo sviluppo professionale, anche a costro di rinunciare a benefit come le ferie (52%), bonus monetari (51%) e perfino a parte del salario (43%) pur di avere un’opportunità di carriera.

In ogni caso, ben l’85% della forza lavoro globale non è soddisfatta di come è supportata dalla propria azienda. L’87% degli interpellati pensa che l’azienda in cui lavora dovrebbe ascoltare di più i suoi bisogni e il 55% afferma che resterebbe più probabilmente fedele a un’azienda che usi tecnologie AI per supportare lo sviluppo di carriera.