Skin
Masayoshi Son
Tech

Il fondatore miliardario di SoftBank vuole creare la “super intelligenza artificiale”

La SuperAI è in arrivo. Parola di Masayoshi Son, il fondatore e ceo miliardario del gruppo SoftBank. “Finora SoftBank Group ha fatto molte cose che sono state un preludio al mio grande sogno: realizzare una super intelligenza artificiale“, ha detto Son agli azionisti durante l’assemblea generale annuale del gruppo. Il gruppo afferma quindi di essersi dato la missione di aiutare il progresso dell’umanità realizzando una super intelligenza artificiale, che secondo Son sarà molto superiore all’intelligenza umana.

Gli aspetti principali

  • Durante l’assemblea degli azionisti del gruppo, che si è tenuta a Tokyo, Son ha chiarito che il core-business della società sarà l’investimento su questo sviluppo, per realizzare la super intelligenza artificiale (Asi, artificial super intelligence). “Ho deciso di realizzare l’Asi un anno fa e mi sono concentrato ogni giorno solo su questo punto, chiedendomi se fosse veramente possibile e se noi fossimo in grado di farlo”.
  • Son ha aggiunto che il gruppo sta ora concentrando tutti i suoi sforzi nell’abbinare la robotica con l’intelligenza artificiale da usare in tutti i tipi di produzione di massa e logistica, nonché nella guida autonoma.
  • I robot dotati di intelligenza artificiale richiederanno “immensi capitali” e gli investimenti di partner esterni, poiché SoftBank non sarà in grado di finanziare tutto da sola.

LEGGI ANCHE: Un co-fondatore di OpenAI lancerà una startup per sfidare Sam Altman

Un progetto realizzabile?

Non tutti gli esperti concordano sulla fattibilità o sulla desiderabilità di un qualcosa di potente come la super intelligenza artificiale. Riprodurre artificialmente i meccanismi del cervello umano non è ancora possibile. L’altro tema è quello dell’etica. Uno sviluppo intermedio potrebbe essere l’Agi, o IA forte, il progetto a cui sta lavorando anche Elon Musk. “L’intelligenza artificiale più intelligente dell’essere umano più intelligente sarà presto disponibile”, ha detto Musk in un’intervista su X Spaces con Nicolai Tangen, il numero uno di Norges Bank Investment Management. Quando succederà? Il miliardario ha previsto che accadrà entro il 2026.

La reputazione di Son

A causa di investimenti e previsioni sbagliate, la reputazione di Son come investitore visionario è stata danneggiata. Infatti, molte delle startup tecnologiche finanziate dal Vision Fund, fondo di venture capital gestito da SoftBank, non hanno raggiunto i risultati sperati. Inoltre, alcune delle previsioni di Son, come il boom dell’internet of things, non si sono concretizzate. Tuttavia, il successo della quotazione di Arm, sussidiaria di SoftBank che produce chip, sbarcata in Borsa a settembre, ha ristabilito l’immagine di Son.

Il patrimonio del ceo di SoftBank

Secondo la classifica in tempo reale dei miliardari di Forbes, Son, fondatore e ceo di di SoftBank Group, ha un patrimonio di 32,5 miliardi di dollari ed è il 51esimo uomo più ricco al mondo.

Tra gli investitori nel fondo Vision Fund 1 di Son ci sono Apple, Qualcomm, Foxconn, il family office del miliardario Larry Ellison e il fondo sovrano dell’Arabia Saudita. I Vision Fund hanno investito in oltre 400 aziende, tra cui la società di ride-sharing Grab, il leader dell’e-commerce coreano Coupang e la piattaforma di consegna di cibo indiana Swiggy. Secondo Forbes, Son sta cercando di raccogliere 100 miliardi di dollari per finanziare un’iniziativa sui chip AI chiamata Izanagi, dal nome del dio giapponese della creazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .