Seguici su
Business 30 Luglio, 2020 @ 8:36

Messi e CR7 di nuovo insieme? Ecco quanto varrebbe per l’industria del calcio italiano

di Massimiliano Carrà

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
lionel messi inter, vantaggi per la Serie A con Cristiano Ronaldo
Lionel Messi e Cristiano Ronaldo (Philipp Schmidli – Getty Images)

Dal sogno di portare a Torino Cristiano Ronaldo, a quello di far sbarcare Lionel Messi a Milano. La Serie A si prepara a vivere una nuova avvincente sessione di calciomercato che, quest’anno, a causa della pandemia da coronavirus, sarà meno calda in termini di temperature (dato che si concluderà il 5 ottobre), ma altrettanto bollente, vista l’ipotesi di vedere il fuoriclasse argentino con la maglietta nerazzurra.

In molti l’hanno definita un’operazione impossibile, in primis Beppe Marotta e Antonio Conte, rispettivamente amministratore delegato e allenatore dell’Inter, altri, come l’ex presidente nerazzurro Massimo Moratti, “un sogno che può diventare realtà”. Proprio quest’ultima ipotesi è quella più cavalcata dai tifosi interisti e da chi ama la Serie A, visto che in effetti un sogno si è già realizzato: l’arrivo in bianconero di Cristiano Ronaldo, l’eterno rivale della pulce.

È vero, la strada che porta a Lionel Messi è molto tortuosa soprattutto per motivi economici, in quanto si parla di un’operazione di circa 500 milioni di euro, tra ingaggio, cartellino del giocatore e commissioni, così suddivisi:

  • Ingaggio: qualora l’Inter dovesse decidere di sottoporre all’argentino un quadriennale (un po’ come fece la Juventus con Cristiano Ronaldo) dovrebbe garantire a Messi circa 50 milioni di euro netti a stagione (quasi 80 lordi, già usufruendo del cosiddetto decreto crescita che agevolerebbe anche lo stesso fuoriclasse).
  • Cartellino e costi di commissione: sulla base dei dati disponibili sul sito Transfermarkt, il club nerazzurro dovrebbe sborsare circa 114 milioni di euro per il cartellino (che potrebbero essere ridotti visto che il contratto di Lionel Messi è in scadenza nel 2021). A questi, andrebbero aggiunti i costi delle varie commissioni (che ovviamente vedrebbe al tavolo anche l’entourage del talento argentino)

Lionel Messi all’Inter: i vantaggi per la Serie A

Tralasciando il ritorno economico e d’immagine che avrebbe l’Inter con Lionel Messi, aspetto evidenziato in tutti gli ambiti dal precedente di CR7 (dalle sponsorizzazioni ai social media), il campione di Rosario sarebbe un importante acquisto per tutta la Serie A, sia intesa come competizione che come lega.

Partendo proprio dal valore delle rose che compongono al momento il massimo campionato di calcio italiano, Lionel Messi (analizzando sempre i dati di Transfermarkt) innalzerebbe il valore totale della Serie A, portandolo da 4,57 miliardi di euro a 4,8 miliardi di euro. Ciò significa, per esempio, che l’Inter diventerebbe il club di maggior valore, in termini di rosa, in Serie A, rubando lo scettro alla Juventus. 

E non è finita qui, anzi. L’arrivo di Lionel Messi e l’ipotesi di rivederlo nuovamente nello stesso campionato con Cristiano Ronaldo sarebbe uno dei desideri più ambiti dagli sponsor e dalle stesse emittenti nazionali e internazionali che sarebbero disposte a sborsare di più alla lega e ai club per i diritti tv. Lo stesso Andrea Agnelli, presidente della Juventus, in un’intervista di qualche mese fa a Radio 24 è stato il primo ad ammetterlo: “Se tutti in Serie A avessero un campione come Ronaldo e Messi, sarebbe ideale per riposizionare il campionato italiano a livello internazionale. Il nostro problema è l’estero, dove provare a vedere il campionato di Serie A è una via crucis”.

Una via crucis, tra l’altro, divenuta interminabile anche in questi mesi in cui il Covid-19 ha colpito inevitabilmente anche il mondo del calcio e in particolare il mondo dei diritti tv, finito in una querelle giuridica tra la Lega Serie A e Sky. Dire che Cristiano Ronaldo e Messi insieme potrebbero risolverla è, forse, un’ipotesi troppo azzardata, ma in fondo non è proprio lontana dalla realtà, visto che i due fuoriclasse attrarrebbero su di loro, come già hanno fatto, altre piattaforme pronte ad accaparrarsi le loro sfide. E l’ascesa di Amazon nel mondo del calcio potrebbe essere un esempio.

Infine, oltre al fatto che indiscutibilmente gli stadi italiani diventerebbero delle cornici ancora più affascinanti e piene (in modo graduale vista l’emergenza), la Serie A acquisirebbe maggior potere di contrattazione nei confronti di tutti quei fondi di investimento che sono pronti a mettere nel loro portafoglio frammenti del massimo campionato di calcio italiano. È vero, Messi all’Inter è un sogno, ma l’immagine della pulce sul Duomo di Milano, è tutt’altro che un’ombra. 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!